LE ISCRIZIONI ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA PER L’ A.S. 2023/24
DEVONO ESSERE EFFETTUATE DAL 09 AL 30 GENNAIO 2023

A differenza degli altri ordini di scuola dove le iscrizioni si effettuano on line, per la scuola dell’infanzia le iscrizioni avvengono con la consueta modalità del modello cartaceo da compilare
unitamente a copia dei documenti dei genitori/tutori, copia documento e codice fiscale alunno
e copia del libretto vaccinale alunno  
da trasmettere mezzo posta elettronica all’indirizzo cbic85300q@istruzione.it o
presentare materialmente alla Segreteria della scuola.

Le attività della scuola dell’infanzia c/o l’Istituto Comprensivo “A. Ricciardi” di Palata sono previste nei plessi di
Palata, Castelmauro, Guardialfiera, Montefalcone nel Sannio, Acquaviva Collecroce e Lupara.
Per qualsiasi informazione è possibile contattare la Segreteria della scuola. 



La scuola dell’infanzia statale è il settore educativo che precede la scuola dell’obbligo aperta a bambini della fascia di età 3-5 anni.
Le attività didattiche si svolgono da settembre fino al 30 giugno di ogni anno scolastico, seguendo le scansioni del calendario scolastico regionale.
Iscrizioni alla scuola dell’infanzia: età di ammissione
Possono essere iscritti alle scuole statali dell’infanzia i bambini che compiono tre anni di età entro il 31 dicembre 2023.
I bambini che compiono tre anni entro il 31 dicembre 2023 hanno diritto di precedenza di iscrizione nei confronti di eventuali bambini anticipatari.
È consentita anche l’iscrizione di bambini che, come anticipatari, compiono tre anni di età entro il 30 aprile 2024.
La data del 30 aprile è perentoria, prevista dalle legge, e non può essere elusa nemmeno per un solo giorno.
Per i bambini regolarmente iscritti che attualmente frequentano la scuola i genitori non devono ripresentare domanda di iscrizione, in quanto – fatta salva diversa decisione delle famiglie – la loro iscrizione è confermata d’ufficio.

Iscrizioni alla scuola dell’infanzia: il diritto di scelta
Al momento dell’iscrizione i genitori dei bambini possono effettuare scelte personali relative a due questioni: l’orario di partecipazione alle attività e l’eventuale scelta dell’insegnamento della religione cattolica.
L’orario ordinario delle attività didattiche è di 40 ore settimanali (mattino e pomeriggio), ma i genitori possono chiedere l’orario ridotto con frequenza soltanto delle attività educative del mattino.
In base alle norme concordatarie tra Stato italiano e Santa Sede, nella scuola è prevista la possibilità di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica.
Al momento dell’iscrizione i genitori possono decidere, con opzione scritta su apposito modulo, di avvalersi di questo insegnamento oppure di optare per attività alternative o per nessuna attività. L’insegnamento della religione cattolica è affidato ad un docente appositamente individuato dalla Diocesi.
Per le famiglie che decidono di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica, l’eventuale rinuncia va presentata alla scuola per iscritto entro marzo nell’anno scolastico successivo.

Iscrizioni alla scuola dell’infanzia: bambini con disabilità
I genitori di bambini affetti da disabilità, al momento dell’iscrizione presentano alla scuola prescelta la certificazione rilasciata dalla A.S.L. di competenza, comprensiva della diagnosi funzionale, predisposta a seguito degli accertamenti collegiali previsti dalle norme in materia.
Sulla base di tale certificazione e della diagnosi funzionale, la scuola potrà procedere alla richiesta di personale docente di sostegno e di eventuali assistenti educativi a carico dell’Ente locale, nonché alla successiva stesura del piano educativo individualizzato, in stretta relazione con la famiglia e gli specialisti dell’A.S.L.

Assenze e frequenza
Anche se non è scuola dell’obbligo, la scuola dell’infanzia richiede regolare frequenza e puntualità di ingresso.
In caso di assenza per malattia di durata superiore a cinque giorni, il bambino può essere ammesso a scuola previa esibizione di certificato medico.